Camugnano

Museo del Carraio – ECOMUSEO CAMUGNANESE / Palazzo Comelli


Camugnano ha una lunga storia che parte dal periodo della colonizzazione romana; romana era la famiglia di “Camonius” da cui deriva il nome attuale di Camugnano. Come si sono trovati riferimenti alla famiglia di un “Acutius” che ha dato le origini a Guzzano e altri toponimi come “Vicus” (villaggio) da cui è derivato Vigo e “Bargius”, Bargi. Anche Le Mogne deriva dalla romana “tribus Lemonia”. Altri toponimi invece derivano dalle attività che lì si svolgevano come Carpineta che deriva dalle piantagioni di carpino o Stagno che deriva dalle attività estrattive minerarie che lì si effettuavano tra il XV e il XVIII secolo.

In secoli meno remoti il territorio camugnanese fu diviso tra i bizantini dell’esarcato di Ravenna e i longobardi della Tuscia. I longobardi soprattutto hanno lasciato tracce evidenti del loro passato, ad esempio nei nomi come Ugo ed Oddone e nelle località come Greglio (dal longobardo Grellgo) o Porcile che indica località di grandi allevamenti di maiali, fondamentale elemento dell’economia dei longobardi. Un oratorio fu anche dedicato a “S. Maria de Porcolis”, nella zona di Bargi. Di origine longobarda erano i potenti signori di Stagno, in lotta con il comune di Bologna e longobarda è l’origine di alcuni toponimi; la presenza di bizantini è stata riconosciuta sulla base di tracce linguistiche e di altra natura.

Oratorio di S. Maria in Porcole con annesso ospitale


Sempre nel medioevo sono documentati su quest’area il potere dei signori di Vigo (“dominatores de Vico”), di signori delle Mogne e dei conti Alberti, di origine germanica. Nel corso del XIII secolo Camugnano, come altri territori appenninici, entra nella sfera d’influenza del comune di Bologna ed è sottoposto per il potere giudiziario, amministrativo e militare al Capitanato della Montagna. Quest’ultimo aveva sede a Casio ma intorno al 1414 fu trasferito a Vergato, dopo essere stato, forse, basato a Vigo nel Duecento.
Costituito in Comune con a capo un massaro, Camugnano vide nel corso dei secoli il progressivo accorpamento al capoluogo delle attuali frazioni, prima Comuni autonomi. Per decreto vice-regio di età napoleonica, i comuni di Vigo (Vigo, Verzuno e Burzanella) e di S. Damiano (S. Damiano, Trasserra e Mogne) furono fatti confluire in quello di Camugnano, che così assunse un’estensione territoriale assimilabile a quella odierna. Modifiche nell’assetto amministrativo furono decise anche dal successivo governo pontificio, finché con l’Unità nazionale fu fissata la configurazione amministrativa attuale del paese.
Nell’Ottocento e fino agli anni Trenta del Novecento, quando venne costruito l’attuale Municipio, il centro amministrativo del paese era situato nella località “Poggio” del capoluogo; la residenza comunale era collocata all’interno di una dimora privata, la casa Pantaleoni, abitazione di una delle antiche famiglie del paese.
Agli inizi del Novecento Camugnano fu raggiunto dalla strada carrozzabile, prima col tratto diretto a Riola che da’ accesso alla strada e alla ferrovia Porrettana in fondovalle Reno (1903); poi col tratto diretto a Castiglione dei Pepoli. Pochi anni dopo furono realizzate opere con aspetti di rilievo nazionale, che contribuirono a caratterizzare il camugnanese e gli immediati dintorni: la diga del Brasimone, ultimata nel 1911 ed eccellente esempio di costruzione non in calcestruzzo, ma in pietra locale; quella più piccola di S. Maria, in territorio castiglionese (1916-17); infine la diga di Suviana, terminata nel 1932, la più alta d’Italia all’epoca della sua costruzione.

Tratto da WIKIPEDIA – L’enciclopedia libera


Un museo diffuso al fine di preservare e valorizzare la ricchezza ambientale, artistica, umana e storica locale

scopri di più …

Il parco si estende nel settore centrale della montagna bolognese, intorno a due ampi bacini realizzati a partire dai primi del Novecento a scopo idroelettrico. 

scopri di più …

error: Content is protected !!